Privacy Officer FEED, 17.02.2017

Questa settimana segnaliamo due articoli molto interessanti.

Privacy, cos’è e come scegliere il data protection officer (www.agendadigitale.eu)

Per porre in essere i numerosi nuovi adempimenti previsti dal Regolamento 679 rimangono poco più di quattordici mesi. Tra quelli di più ampio impatto sul mercato vi è certamente la designazione  del Responsabile della Protezione dei Dati Personali ovvero del Data Protection Officer (DPO), figura già presente nelle organizzazioni più complesse presenti anche nel mercato italiano, ma che diverrà obbligatoria per tutte le PA e in alcuni casi anche in ambito privato.

Come spiegare alle PMI perché il Regolamento Europeo sulla Privacy non è come tutte le altre norme e cambierà davvero lo scenario della circolazione del dato digitale in azienda (www.ictsecuritymagazine.com)

Il Regolamento Europeo 2016/67 introduce alcuni innovativi principi in tema di protezione dei dati direttamente applicabili a tutte le realtà aziendali. In questo articolo, ne vengono presentati alcuni per dimostrare come l’applicazione di tale normativa che, tra l’altro prevede profili sanzionatori di sicuro interesse per il piccolo/medio imprenditore (da 10 a 20 milioni di euro o dal 2% al 4% del fatturato dell’azienda), costituisca un primo passo concreto verso una seria responsabilizzazione delle società sul tema.

Luca Zenarolla

Avvocato, mi occupo sin dai tempi dell'Università di diritto delle nuove tecnologie. Sono il presidente del Centro Innovazione & Diritto.

Lascia un commento